Blog: http://ilpiccolo15.ilcannocchiale.it

E' pronto il Lippi-bis

Entro dieci giorni la Figc può liquidare Donadoni con 600 mila euro. Il c.t. campione del mondo torna con il suo staff e la new entry Peruzzi. La prima amichevole il 20 agosto a Nizza contro l'Austria


Roberto Donadoni (44 anni) e Marcello Lippi (60). Lapresse

 
VIENNA (Austria), 23 giugno 2008 - Siccome il destino ha senso dell’umorismo, il nuovo corso azzurro comincerà in Francia e contro l’Austria. Nuovo corso, ovviamente, dal sapore antico, visto che a guidare la Nazionale - si spera - fino al Mondiale del 2010 in programma in Sud Africa sarà Marcello Lippi, cioè il c.t. dell’altro ieri.
A VIAREGGIO - Ieri l’allenatore campione del mondo in carica ha visto la partita in tv, ma pensando già a come ricostruire psicologicamente un gruppo in tanti elementi avanti negli anni. Il primo atto, quindi, sarà l’amichevole del 20 agosto contro l’Austria, in programma a Nizza. Come dire, se il sipario lippiano è calato sempre contro la Francia, la nuova avventura ricomincerà a casa del "nemico" e contro la nazionale del paese organizzatore di questo Europeo a luci e ombre.
LA CLAUSOLA - Fra oggi e domani si metterà in moto la procedura di liquidazione del rapporto con Donadoni, visto che il rinnovo di contratto - sottoscritto il 4 giugno - dava 10 giorni dalla conclusione dell’Europeo per l’Italia per attivare la clausola che consente ad entrambe le parti di svincolarsi da un rapporto prolungato fino al 2010. Conoscendo la statura morale e l’orgoglio dell’attuale c.t., non è escluso che le parti addirittura concordino nel considerare il rapporto terminato, anche se la stessa clausola prevede il riconoscimento a Donadoni di una sorta di buonuscita, si dice pari a circa metà dell’ingaggio annuale (600 mila euro).
BUROCRAZIA - Inutile dire che la reinvestitura di Lippi avrà bisogno di un atto formale collegiale, cosicché il presidente Giancarlo Abete dovrà convocare il Consiglio federale e averne l’approvazione per procedere al sondaggio riguardo la disponibilità del nuovo c.t. Atti scontati, sia perché tutte le componenti federali sono d’accordo, sia perché Lippi è felice di tornare a guidare la squadra azzurra. Insomma, è ragionevole pensare che già il 1 luglio Lippi potrebbe cominciare la nuova avventura e senza guardarsi indietro, nonostante le offerte ricevute da club e nazionali. Ma perché Lippi ha deciso di tornare? Chi gli è vicino racconta di un uomo che - dopo essere stato l’allenatore di un club - ha scoperto la bellezza di un ruolo da "padre della Patria". Certo, al c.t. azzurro non si fanno né si faranno mai sconti - e il viareggino lo sa - ma essere non più uomo di parte, ma l’allenatore di tutti in fondo adesso pare essere la sua massima aspirazione.
IL NUOVO STAFF - Con Lippi tornerà anche il suo staff. Dal vice Narciso Pezzotti, all’assistente tecnico Ciro Ferrara fino al medico, il professor Enrico Castellacci, mentre resterà Bordon come preparatore dei portieri (era con lui anche nella precedente gestione). Ci sarà anche una "new entry", Angelo Peruzzi. In ogni caso, fra pochi giorni tutto sarà pronto per cominciare la rincorsa al Mondiale 2010. E se mai a Lippi riuscisse la doppietta in stile Brasile 1958-1962, state certi che l’Italia procederà subito alla santificazione. D’altronde, vincenti si nasce, no?

Pubblicato il 23/6/2008 alle 10.17 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web